Per Asperger ad astra



COSE CHE NON SI POSSONO COLLEZIONARE
(ELENCO DELL’EFFIMERO)

Formaggi - vanno a male
mele - raggrinziscono, marciscono
nuvole - mutevoli per la loro intima struttura.
giulebbe di mele cotogne - si ricopre di muffa
amanti - invecchiano, raggrinziscono (vedi le mele)
bambini - crescono
pupazzi di neve - si squagliano
girini e bruchi - corporeamente incostanti
Ne deriva che nulla di organico può essere collezionato. Un mondo sempre sul punto di scadere. Un mondo di breve durata, che si raggrinza, marcisce, va a male (e perciò stupendo).
Georgi Gospodinov, Fisica della malinconia (via signorinalunastorta)
Introverts, in contrast, may have strong social skills and enjoy parties and business meetings, but after a while wish they were home in their pajamas. They prefer to devote their social energies to close friends, colleagues, and family. They listen more than they talk, think before they speak, and often feel as if they express themselves better in writing than in conversation. They tend to dislike conflict. Many have a horror of small talk, but enjoy deep discussions
 Susan CainQuiet: The Power of Introverts in a World That Can’t Stop Talking 
Era un periodo che non m’importava niente di niente, quando venni a stabilirmi in questa città. Stabilirmi non è la parola giusta. Di stabilità non avevo alcun desiderio; volevo che intorno a me tutto restasse fluido, provvisorio, e solo così mi pareva di salvare una mia stabilità interiore, che però non avrei saputo spiegare in che cosa consistesse.
—Italo Calvino

darksilenceinsuburbia:

Annegret Soltau

From TimeExperience 

1975-2014

TimeExperience (work in progress) is the title of a chronological serie of miniature sewn photos and photo-montages. In this actualized multiplated cycles I`m “sewing” my own biography through different phases of my work: self 1975-76, pregnant 1977-80, mother`s luck – with daughter and son 1977-1986, Grima – with child and animal 1986-89, double head – with daughter and son 1991-92, generativ – self with daughter, mother and grandmother 1994-99, KALI-daughter 2000-04, N.Y.FACES-surgical operations 2001-02, personal identity since 2003, transgenerativ-MotherFatherDaughterSon 2005-2008, verified self 2009-10, Orifices since 2011.

haidaspicciare:

Rossana Rory e Monica Vitti, "L’Eclisse" (Michelangelo Antonioni, 1962).

haidaspicciare:

Rossana Rory e Monica Vitti, "L’Eclisse" (Michelangelo Antonioni, 1962).

Ma dove vanno i marinai, mascalzoni ed imprudenti, con la vita nei calzoni, col destino in mezzo ai denti, sotto la luna puttana e il cielo che sorride, come fanno i marinai con questa noia che li uccide, addormentati sopra un ponte, in fondo a malincuore sognano un ritorno, smaltiscono un liquore, affaticati dalla vita piena di zanzare, che cosa gliene frega di trovarsi in mezzo al mare.

Parola del giorno #15

Kintsukuroi.  "riparare con l’oro", è una pratica che consiste nell’utilizzo di oro o argento per saldare assieme i frammenti di ceramica. Ogni ceramica riparata presenta un diverso intreccio di linee dorate unico ed ovviamente irripetibile per via della casualità con cui la ceramica può frantumarsi. La pratica nasce dall’idea che dall’imperfezione e da una ferita possa nascere una forma ancora maggiore di perfezione estetica e interiore.

abitatoli:

Piero Portaluppi, La mia corrispondenza, grafico della corrispondenza dal 1904 al 1908 tratto dall’album Statistiche e diagrammi osservati, calcolati e compilati sulla vita e sui costumi di Don Pedro Puerta Lopez.

Cartoline illustrate, cartoline postali, lettere e biglietti corrisposte tra amici, conoscenti, parenti, signorine, pulzelle ed enti.

E’ una vela la mia mente
prua verso l’altra gente.

Progetto di un pavimento su cui i tuoi passi saranno incerti, Ettore Sottsass

Progetto di un pavimento su cui i tuoi passi saranno incerti, Ettore Sottsass

(Source: julieheather)

unoggetto:

Sii oltre ogni addio, come se fosse già dietro
di te – come l’inverno che appunto se ne va.
Perché tra i tanti inverni c’è un inverno talmente infinito
che, se il tuo cuore lo sverna, allora sopporta ogni cosa.
Rainer Maria Rilke